Ricominciamo le solite, italianissime, crociate: questa volta contro i sacchetti biodegradabili che lo Stato italiano, in rispetto di una direttiva UE del 2015, vuole imporci di pagare tra 0,01€ e 0,03€ cadauno.

La storia balza alla cronaca e sui social perché le 150 aziende che producono shoppers a norma di legge, utilizzano come materia prima il Mater-Bi dell’azienda Novamont la cui amministratrice delegata è Catia Bastioli, nominata da Renzi presidente della Terna, una società di telecomunicazioni.

E contro lo Stato tiranno e ladrone, ecco il furbo che posiziona i prodotti dentro un guanto oppure li pesa singolarmente (in ogni caso il costo del sacchetto sarà applicato di default); già immagino quello che succederà nelle casse quando le file si duplicheranno o quando troveremo le persone che “pescano” dalla cassetta i frutti a mani nude per pesarli singolarmente.

La lotta contro i sacchetti di plastica si è, logicamente, trasformata in una lotta politica contro Renzi e quindi, come sempre accade, le persone si sono fermate a guardare il dito ed hanno ignorato totalmente la luna.

Partiamo da quello che forse dovrebbe far indignare tutti; i prezzi dei prodotti.meleChi ha comprato queste mele Pink Lady, si è sentito furbo per non aver pagato i 0,02€ del sacchetto, ma di certo non si è lamentato dell’aver pagato le mele tra i 0,68€ e gli 0,81€ per un totale di 2,98€ (per quattro mele???).

l_b4v9_03173145

E non diciamo nulla neanche sul fatto che i prodotti spesso neanche sono italiani, perché le arance non sono più siciliane, le mele non sono più del nord, troviamo le angurie a Dicembre e le ciliege a Febbraio… e su questo non facciamo le crociate.

Il 2018 comincia con una serie di rialzi come luce, gas, pedaggi autostradali… e di quello non diciamo nulla; ci preoccupiamo di una spesa ridicola che lo Stato ci impone per rispettare una normativa europea che tenta di ridurre l’inquinamento dovuto proprio allo smaltimento dei sacchetti.

E noi la buttiamo in politica, ignorando che Novamont, per ha trovato il Mater-Bi per strada ma è frutto di ricerche, investimenti, assunzioni di personale, consulenze e quant’altro permetta di dire che se una cosa la vuoi, la devi pagare.

Calcolatrice alla mano, sembra che questa imposizione ci costi 12,00€ all’anno, 1,00€ al mese: se qualcuno avesse difficoltà mi contatti e provvederò io a dargli qualche spicciolo.

Ma tutto il resto va bene?

Il contributo per i bambini è stato falcidiato: prima erano 80,00€ al mese per 3 anni ora dovrebbe essere di 40,00€ al mese per un anno: questo è scandaloso.

Mia madre ha avuto un aumento della pensione di 2,70€ al mese, una vera presa in giro quando poi vedo che i politici (Renzi compreso) sono liberi di prendersi tutti i soldi che vogliono nello stipendio.

Il firmamento politico è palesemente composto da persone che fanno di tutto per restate incollate alle sedie come Renzi che abolirà il canone RAI (ma era stato lui a metterlo nella bolletta della luce) o la Bonino che pur di candidarsi si allea per avere in prestito il simbolo e quindi non dover ricorrere alla raccolta di firme (e Pannella si rigirerà nella tomba). Berlusconi che ogni tanto tira fuori il coniglio dal cappello o Salvini che prosegue nell’ondata della tenerezza populista. Ed il Movimento 5 Stelle che soffre di gastrite organizzativa.

Non passa giorno che non ci siano omicidi, incidenti o quant’altro ed avremmo veramente tutti i diritti di scendere in piazza e farci sentire: ma non lo facciamo. I sacchetti di plastica ci daranno la possibilità di parlare al bar ancora qualche giorno, prima di andare a pagare la bolletta della luce che è aumentata, o di andare a mettere la benzina pagando una serie di accise (leggi quali) inutili.

Ma noi abbiamo bisogno di non sapere i fatti, dobbiamo nasconderci dietro l’ignoranza per evitare la consapevolezza che non siamo un vero popolo, che non sappiamo farci rispettare.

Ci dimentichiamo che all’articolo 1, primo comma, della Costituzione italiana, è sancito che la sovranità appartiene al popolo. Noi no, la facciamo appartenere a qualcun’altro che, con un bel sorriso sui denti, continua a prendersi gioco di noi che siamo inermi, spesso davanti ad un televisione che ci inietta una meravigliosa favola della fatina buona e della strega cattiva.

Annunci